Al volante con la pioggia? Quattro consigli preziosi

Guidare è, prima ancora che una comodità, e prima ancora che un atto di effettiva libertà, un atto di responsabilità: mettendosi alla guida di un’automobile si controlla un mezzo che può trasformarsi in pochi secondi in un pericolo mortale, sia per se stessi, che per i propri passeggeri, che per chiunque altro sia presente sulla strada. Per questa ragione, a prescindere dalle condizioni atmosferiche, è necessario sapere come condurre la vettura in perfetta sicurezza, anche quando, ad esempio, una pioggia battente renda scarsa la visibilità e poco aderente l’asfalto.
La guida sotto forti piogge è in effetti una delle condizioni più temute dagli automobilisti, e causa un gran numero di incidenti ogni anno sulle strade urbane ed extra-urbane. Da un lato, come dicevamo, lo scrosciare della pioggia può compromettere seriamente la visibilità, rendendo più difficile reagire a improvvisi pericoli, e dall’altro l’asfalto bagnato compromette l’aderenza delle gomme, aumentando le situazioni in cui può capitare di perdere il controllo dell’automobile stessa.
Ecco, quindi, qualche consiglio utile per chi si deve mettere in macchina sotto una pioggia battente:

– Guidate soltanto se necessario, e soltanto quanto necessario.
Sarebbe bello poter raccomandare di non uscire di casa e prendere l’automobile se piove forte, ma la realtà è, come sappiamo, più complessa: a volte un impegno può essere imprescindibile, a volte invece possiamo trovarci già in strada e non avere la possibilità di tornare immediatamente indietro o fermarci da qualche parte ad aspettare che il temporale passi. Quello che però possiamo fare è valutare la necessità di guidare, e decidere di guidare esclusivamente se non possiamo farne a meno: meno vetture in circolazione, sotto la pioggia, abbassano anche il rischio di incidenti.

– Controllate la vostra automobile regolarmente.
Prima che arrivi la cattiva stagione, imponetevi di fare un controllo approfondito della vostra vettura. Verificate il perfetto funzionamento dei fari, delle frecce, e di tutti gli indicatori luminosi; lo stato degli penumatici e dei freni; e il funzionamento corretto dei tergicristalli. Trovarvi in strada sotto un forte scroscio d’acqua e scoprire che i freni non tengono, che i fari non si accendono, o che i tergicristalli non riescono a liberare il parabrezza dall’acqua che vi si accumula, può essere un’esperienza terribile – oltre a rendere molto meno improbabile un incidente grave.

– Mantenete la distanza di sicurezza.
Anche se, com’è corretto e spesso inevitabile sotto un forte temporale, state guidando lentamente, mantenete ugualmente, e con grande scrupolo, la distanza di sicurezza dal veicolo di fronte a voi, soprattutto se si tratta di un furgone o di un grosso autocarro. Non soltanto, infatti, la strada bagnata può ridurre l’efficacia dei freni, portandovi ad un maggior rischio di scontro, ma l’acqua sollevata da chi vi sta davanti può facilmente, se siete troppo vicini, compromettere la vostra visione dal parabrezza ed esporvi a rischi significativi.

– Siate sempre equipaggiati.
Sembrerà banale, e slegato dalla questione della guida: ma siate sempre pronti ed equipaggiati. Abbiate in macchina una cerata, un ombrello, una torcia, e magari delle scarpe adatte al maltempo: se doveste trovarvi alla guida sotto una forte pioggia, e per qualsiasi ragione doveste uscire dall’abitacolo – ad esempio per sostituire una gomma bucata – disporre di questi semplicissimi elementi può trasformare in una semplice seccatura una situazione che sarebbe stata, altrimenti, difficilmente gestibile e avrebbe potuto esporvi a pericoli seri.