Vacanze in auto: ecco come spendere meno in carburante

Vacanze in auto: ecco come spendere meno in carburante

Siamo in pieno periodo estivo, alcuni hanno già avuto la fortuna di usufruire di un periodo di vacanza, molti altri invece devono ancora raggiungere il meritato riposo. L’unica cosa certa – per coloro che hanno già programmato di muoversi con la propria autovettura – al costo della villeggiatura, del vitto e dell’alloggio si andrà inevitabilmente ad aggiungere il costo del carburante. Ecco presentarsi lo stesso annoso problema, con le fluttuazioni di mercato che portano il prezzo ad aumentare in particolar modo durante il periodo estivo approfittando della presa d’assalto dei veicoli sulle strade italiane.

Ma esistono dei piccoli accorgimenti per poter risparmiare sul carburante? Ne parliamo con l'officina di Udine Autronica

Meglio muoversi con una macchina ad alimentazione GPL o metano che consente di percorrere tratti di strada medio- lunghi ad un prezzo ragionevole, anche se occorre studiare con cura i vari punti di rifornimento estesi su tutto il percorso. In alternativa meglio prediligere un mezzo con rifornimento a gasolio rispetto ad uno alimentato a benzina, per questione di convenienza economica.

Un suggerimento semplice ed a costo zero che riteniamo opportuno diffondere riguarda la pressione delle gomme. Esatto, le gomme ricoprono un ruolo fondamentale nel gettare le basi per un risparmio sul carburante, in quanto se la pressione si attestasse ad un livello ottimale è possibile risparmiare fino al 10% sui consumi complessivi.

Altro piccolo consiglio riguarda il carico totale sopportato dall’autoveicolo: molto intuitivamente, un mezzo che viaggia a pieno carico con un peso specifico maggiore subirà un consumo superiore rispetto ad una vettura che viaggia senza peso superfluo. Sembrerà una sciocchezza, ma cercate di portare con voi solo lo stretto necessario: liberate il bagagliaio se non avete ingombro extra da trasportare e ricordatevi di smontare il portapacchi se inutilizzato.  

Suggeriamo di mantenere uno stile di guida regolare e misurato, senza accelerazioni estemporanee, senza richiedere alle marce uno sforzo eccessivo, evitando di fatto qualsiasi tipo di frenata troppo brusca o ripartenza troppo decisa. Contrariamente a quanto si possa pensare è caldamente sconsigliato condurre le discese a folle, non è vero che è un modo concreto per risparmiare sul combustibile in quanto l’andatura senza una marcia prefissata provoca egualmente un importante afflusso di carburante. Se in dotazione, utilizzare la vettura innestando il cruise control per assicurare regolarità all’andamento del mezzo; qualora questa soluzione non fosse praticabile, prediligere una guida a prevalenza cut-off ovvero una manovra che induce il conducente al rilascio della frizione ed al conseguente innesto di una marcia più alta, durante la fase di decelerazione.